Letterina a Babbo Natale

Caro Babbo Natale,
quest’anno vogliono convincerci che il Natale sarà diverso.
Forse si forse no, dipende dalla ricchezza di ognuno di noi e non intendo la ricchezza di buoni sentimenti come dovrebbe essere: dato che nasce Gesù! In Italia, infatti, chi ha più denari può comprarsi più libertà e andare libero e covid-free in vacanza, magari a sciare in Svizzera dove il covid teme l’altitudine delle Alpi e dove le greggi di persone che si accalcano allo skilift non sono considerati assembramenti.
Ma noi no! A malapena tiriamo fine mese e quindi sarebbe già qualcosa se tu, caro Babbo Natale, facessi in modo che l’Agenzia delle Entrate ci sbloccasse i rimborsi del 730 arretrati (fermi in “controllo preventivo” da settembre e mai elargiti senza motivazione alcuna anche se richiesti ogni anno…) o gli assegni di maternità arretrati che stanno percorrendo lo stesso iter.
Voglio chiederti, caro Babbo Natale, di poter vivere, ma soprattutto di far vivere mio figlio, in un Paese democratico, libero ed equo, dove una persona non possa accentrare tutti i poteri su sè stesso ed elargire favori a parenti e conoscenti mandando a cagare (permettimi il termine) chi non la pensa allo stesso modo.
Voglio chiederti, caro Babbo Natale, un po’ di giustizia ed eguaglianza nell’applicazione della Legge e anche se una persona si apparenta con qualche Presidente o politico, non goda di vantaggi per questo poichè un vantaggio illegittimo per uno si traduce con uno svantaggio per un’altro.
Voglio chiederti, caro Babbo Natale, un po’ di buonsenso da parte di tutti per sfatare il mito del supermercato aperto h24: luogo sicuro e covid-free al 99,9
% (tanto da derogare i controlli veri: quelli a sorpresa! – miracoli della GDO!).
Vorrei infine che prevalesse la logica di “un pensiero in più e un regalo in meno” prima del Natale e che potessimo portare la nostra presenza ai nostri cari il 25 dicembre… ma forse il covid è anche antireligioso? Molto disattento sicuramente visto che non ha ancora capito che l’ora dell’aperitivo si è spostata…
Sono molto turbato da ciò che sta avvenendo intorno a me e non possiedo nessuna scorta che possa salvarmi… Mah! Speriamo almeno che diano “una poltrona per due” su canale5 come da tradizione e forse riguardarlo ci insegnerà qualcosa!

Dr. Urb. Giacomo Calearo